Fotoritocco

Il pannello dettagli di Camera Raw

La parte superiore del pannello dettagli di Camera Raw è sostanzialmente una maschera di contrasto(più limitata). La parte inferiore, riguarda l’effettiva riduzione del disturbo.

Ricordate sempre di ingrandire la foto al 100% quando operate con i cursori di questo pannello, altrimenti i risultati potrebbero essere imprevedibili.

Il Fattore esprime l’intensità della mia regolazione, zero nessun contrasto, 150 massimo contrasto. Lo porto come sempre al massimo e poi lo abbasso gradualmente. Gioca sempre con la casella di anteprima, così puoi vedere subito la differenza di contrasto introdotta.

Il Raggio determina le dimensioni degli aloni intorno ai miei dettagli. Varia a seconda delle dimensioni dell’immagine e dei particolari in essa contenuti. Più è basso e più vengono evidenziati i dettagli piccoli, più è alto e più vengono evidenziati i bordi morbidi.Il tasto Alt aiuta a visualizzare il formarsi degli aloni, per cui conviene utilizzarlo. Alza il Raggio ma non permettere che gli aloni interferiscano con i dettagli dell’immagine, se capita torna un attimo indietro. Non dimenticare che l’intensità degli aloni dipende invece dal Fattore.

Tienilo basso, soprattutto se l’immagine contiene molti piccoli dettagli
Se da un lato il Raggio opera sui bordi dei dettagli il parametro Dettagli lavora invece sulle aree a tonalità continua, sulle parti estese e contemporaneamente anche sui bordi. Con esso è facile ottenere una sorta di oversharpening, per cui normalmente bisogna cercare di tenerlo assai basso.

Il cursore Dettagli  serve per aumentare ulteriormente o diminuire la nitidezza dei dettagli ad alta frequenza. Ma come? non ci pensano già fattore e raggio a questo? Finora l’ho trovato poco utile infatti, se qualcuno conosce un modo interessante di usarlo mi scriva usando la pagina contatti e aggiornerò l’articolo.

pannello dettagli acr

La Mascheratura potrebbe per certi versi ricordare il filtro High Pass (accentua passaggio), perchè serve ad evidenziare la nitidezza (appena operata con gli altri tre cursori) sui dettagli fini (in alta frequenza) ed a mascherare le parti estese in bassa frequenza. Infatti  serve a ridurre la quantità di contrasto da applicare sulle aree che non sono bordi. Premi il tasto Alt in modo da poter visualizzare l’effetto della mascheratura e vedere cosa taglia e cosa lascia passare. Le zone bianche corrispondono alle parti nelle quali la nitidezza viene applicata, le zone nere dove la nitidezza non viene applicata. E’ a tutti gli effetti una maschera come in Photoshop. Aiuta molto perché aumentando molto la nitidezza aumenta di conseguenza anche il rumore, ed in questo caso la maschera serve a limitare questo effetto collaterale dannoso. Da non dimenticare che il rumore si manifesta in particolare nelle zone scure dell’immagine e cresce con l’aumentare degli Iso, in particolare se l’immagine viene schiarita molto.
Se tenuta a zero la maschera è disattivata, man mano che la si porta verso il 100 il contrasto viene localizzato sempre più solo sui bordi

Il cursore Colori serve a ridurre il rumore di crominanza, ossia tutti quei puntini colorati che si vedono ingrandendo molto l’immagine.
Aumentandolo (mediamente fino a 50 circa) il rumore cromatico diminuisce. Il colore dovrebbe sostanzialmente uniformarsi, ossia diminuisce la variazione cromatica.
Per diminuire invece il numero, la quantità di puntini bisogna servirsi del cursore Luminanza. Attenzione che il cursore Luminanza porta a perdita di dettagli. Per preservarli esiste il cursore Dettagli Luminanza. Lo aumento, senza esagerare, altrimenti mi ricompare il rumore. Considero una buona via di mezzo portando entrambi i cursori a mezza strada e poi dosandoli osservando contemporaneamete l’immagine.
il cursore Contrasto Luminanza serve per contrastare leggermente il canale di Luminanza in modo tale da far emergere la trama dell’immagine.  E’ preferibile tenerlo basso.

A conti fatti direi che è meglio andarci piano con lo sharpening in camera raw e preferire un processo più lento e puntuale in Photoshop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *